Blog

I breadcrumbs sul sito web: cosa sono e a cosa servono

Breadcrumb sito web

Li abbiamo visti un po’ ovunque sul web. Si trovano su siti internet aziendali, portali e-commerce, social network. I breadcrumbs (o “briciole di pane”) prendono spunto dalla fiaba di Hansel e Gretel, in cui i due fratelli, abbandonati nel bosco, usano delle briciole di pane per ritrovare la strada di casa.

Analogamente i breadcrumbs sono un sistema di navigazione, che si affianca alla normale alberatura del sito web, per aiutare l’utente a non perdersi e seguire un percorso ben preciso. Gli elementi che appaiono nei breadcrumbs riflettono l’organizzazione logica del sito web e, attraverso appositi collegamenti ipertestuali, permettono di muoversi attraverso i livelli gerarchici predefiniti.

 

A cosa servono i breadcrumbs

Primariamente sono nati come un supporto all’utente, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione. Immaginiamo di trovarci su un grosso portale come Amazon, e cercare un prodotto ben identificato nella nostra mente. Usare i breadcrumbs ci permette di saltare facilmente da una categoria all’altra ed approfondire la ricerca sulla base di una o più caratteristiche specifiche del prodotto.

Tipicamente si presentano sotto forma di menu orizzontale (come nell’ esempio seguente) ma possono anche apparire sotto forma di cartelle.

In secondo luogo possono rappresentare un supporto anche per i motori di ricerca. Quando Google scansiona un sito web a caccia di contenuti incontra almeno due problemi:

  1. Ogni contenuto, per esser scansionato, deve essere raggiungibile attraverso un collegamento ipertestuale
  2. L’insieme dei contenuti, per essere compreso, deve essere organizzato secondo una struttura logica (ad esempio una gerarchia di categorie)

Quando utilizziamo i breadcrumbs su un portale complesso rendiamo più semplice la scansione e la comprensione dei contenuti al motore di ricerca. In particolare creiamo una serie di collegamenti tra elementi semanticamente legati tra di loro e definiamo un criterio di classificazione.

 

Come utilizzare i breadcrumbs

Si tratta di una funzionalità che è utile implementare quando il sito web ha una struttura complessa (ad esempio: categorie / sottocategorie / articoli), mentre è inutile quando c’è un unico livello (per chiarire: ad un sito web di una pizzeria con 4 pagine certamente i breadcrumbs non servono).

Vanno posizionati dove è facile trovarli (tipicamente in alto a sinistra) o a fondo pagina prima del footer. In tal modo l’utente potrà ritrovare la strada verso la home o verso la categoria superiore.

Esempio utilizzo breadcrumbs - Sito Ansa.it

Come abbiamo detto, questo strumento di navigazione è utile anche per i motori di ricerca e i breadcrumbs devono essere espressi anche con i dati strutturati. E’ un modo semplice e pratica per dichiarare la struttura del sito web attraverso un markup che ha effetti anche sugli snippet che appaiono nelle pagine con i risultati di ricerca. Per verificare il corretto inserimento è utile usare lo strumento di verifica dei dati strutturati creato da Google.

 

I vantaggi in pillole

  • Facili ed utili da implementare
  • Migliore esperienza utente per il navigatore, che evita di perdersi
  • Minore frequenza di rimbalzo
  • Utili anche in ottica SEO, perché facilitano la scoperta di nuovi contenuti e chiariscono il rapporto semantico dei contenuti. Non sono però un fattore di ranking apertamente dichiarato o rilevante
  • È consigliabile esprimere i breadcrumbs anche attraverso i dati strutturati, per facilitare la comprensione del sito web al motore di ricerca

 

Conclusioni

Apparentemente semplici e banali, i breadcrumbs svolgono alcune funzioni utili ed interessanti. Completano la struttura di navigazione principale, offrendo supporto all’utente e migliorando la comprensione del sito web ai motori di ricerca.

Quando hai la necessità di realizzare un sito web è consigliabile affidarsi a professionisti che conoscano il significato e le potenzialità di ogni elemento di una pagina web. È un fattore chiave per costruire un sito web di successo che permetta a te ed alla tua azienda di trovare nuovi clienti online.

Giovanni Villani

Classe 1977, nato a Pavia, sono titolare dell'agenzia Semantik. Da sempre appassionato di nuove tecnologie, aiuto le piccole medie imprese a scoprire la comunicazione digitale e le sue opportunità.

Semantik

Web Agency a Pavia e provincia

Via Umberto I, 15
27053 Lungavilla (PV)
P.IVA 02067920187
Codice SDI: KRRH6B9

Orari di apertura

Lunedì: 09:00 - 18:00
Martedì: 09:00 - 18:00
Mercoledì: 09:00 - 18:00
Giovedì: 09:00 - 18:00
Venerdì: 09:00 - 18:00
Sabato: Chiuso
Domenica: Chiuso